MODENA – La Top Volley Latina perde in tre set a Modena e resta ferma a quota 18 punti nella classifica della Superlega. Al PalaPanini, senza Parodi, out in extremis, la squadra di Latina non riesce a tenere testa a una delle big del campionato che chiude i conti sfruttando molto la battuta. “Questa è una partita che fa capire il livello di vertice di questo campionato, ero un po’ emozionato in avvio perché ho ritrovato molti amici in un palazzetto dove sono praticamente nato. Per quanto riguarda l’esito della partita, ovviamente c’è un po’ di delusione perché raccogliere dei set e magari dei punti contro queste squadre di alto livello è un nostro obiettivo, ma abbiamo la consapevolezza che Modena ci ha lasciato poco spazio, in battuta è stata molto incisiva e ci ha messo molta pressione sul cambio palla – ha spiegato il coach Lorenzo Tubertini a fine partita -a tratti siamo stati bravi ma in queste sfide serve più continuità, il nostro attacco ha bisogno di maggiore continuità e quando il cambio palla cala, le occasioni della fase break bisogna sfruttarle meglio. A volte abbiamo buttato alle ortiche qualche occasioni. Senza Parodi non potevo fare grossi cambi ma ho voluto girare un po’ i centrali senza voler dare meriti o demeriti a nessuno, ho tolto Toncek Stern in alcuni momenti in cui ha faticato, mentre sugli schiacciatori avevo un giocatore a disposizione e mi è sembrato opportuno utilizzarli al meglio per le situazioni di cambio palla dove faticavamo a uscirne”. Delusione ma anche consapevolezza anche nelle parole di Andrea Rossi, il centrale della Top Volley Latina, che pone l’attenzione sulla difficoltà di replicare al livello di gioco di Modena. “Purtroppo in questa stagione non riusciamo a esprimerci contro le grandi, fermo restando la differenza di obiettivi non riusciamo a mettere in campo quello che sappiamo fare – spiega Andrea Rossi a fine partita – di certo Modena ha giocato una buonissima partita, ha dato molta continuità alla battuta e così facendo ci ha tenuto tanto con la palla staccata da rete. Ora riprendiamo a preparaci per le prossime partite con la consapevolezza di avere ancora molto da dare a questo campionato”.

LA PARTITA – Il coach Lorenzo Tubertini deve rinunciare a Simone Parodi e in avvio schiera Daniele Sottile in palleggio con lo sloveno Toncek Stern opposto, di banda ci sono il francese Swan Ngapeth e l’argentino Ezequiel Palacios, al centro Carmelo Gitto e Rocco Barone, con il nuovo libero argentino Facundo Santucci.

La Top Volley Latina perde il primo parziale 25-19 dopo aver annullato due set point (il secondo su ace di Barone su battuta flot) con Modena praticamente sempre avanti (6-3, 10-6, 16-11). Sottile e compagni provano a ricucire soprattutto con Palacios e Toncek Stern e dal 20-12 si arriva fino al 20-15, tre punti in sequenza che costringono Velasco a chiamare il time-out. Al ritorno in campo ancora Modena, protagonista soprattutto a muro (5 muri punto a uno e con tante palle sporcate). Holt è protagonista e Santucci prova a dare sostanza alla difesa ma Modena continua a fare punti e chiude il primo set. Modena vince anche il secondo spicchio di gara ma Latina riesce a restare agganciata fino al 25-21. In avvio i pontini sono decisamente più organizzati e restano con il naso avanti fino al 7-8, poi un lunghissimo turno in servizio di Tine Urnaut sposta gli equilibri portando i suoi avanti fino al 13-8 con un break di sei punti. Modena è meno in palla con il muro ma le percentuali d’attacco sono sempre migliori di quelle della Top Volley (55% contro 44%) e sul campo si arriva al 20-14. Tubertini cambia Gitto con Rossi, Latina recupera fino al 20-17 poi si arriva al 23-21 a suon di “pallette” (prima Ngapeth poi Rossi), Velasco sente il fiato sul collo e chiama time-out, Modena torna in campo e realizza due punti di fila per il 25-21 che chiude i conti. In avvio di terzo set il coach Tubertini ripropone Ngapeth con Palacios e Sottile in diagonale con Gavenda al posto di Toncek Stern, poi sul 7-2 fuori Palacios e dentro Ziga Stern. Modena parte subito forte e sale fino al 10-3, a questo punto la Top Volley Latina è schierata con Sottile opposto a Gavenda, Ziga Stern e Ngapeth posti quattro, Rossi e Barone al centro con Santucci libero. Sul 14-5 Toncek Stern torna in campo al posto di Gavenda ma Modena ha fretta di chiuderla e continua a macinare punti e gioco: si arriva fino al 20-12, Latina non incide con la battuta flot, tantomeno con quella in salto, e il set è indirizzato (25-18).

AZIMUT LEO SHOES MODENA – TOP VOLLEY LATINA 3-0
AZIMUT LEO SHOES MODENA: Bednorz 5, Pierotti, Rossini (lib.), Zaytsev 11, Christenson 5, Holt 8, Anzani 1, Urnaut 12, Mazzone 5, Kaliberda 3. Ne: Benvenuti (lib.), Van Der Ent, Pinali, Keemink. All. Velasco
TOP VOLLEY LATINA: Gavenda 1, Gitto 1, Sottile 1, Ngapeth 8, Barone 3, Santucci (lib.), Rossi 3, T. Stern 10, Palacios 8, Z. Stern 3. Ne: Caccioppola (lib.), Parodi. All. Tubertini
Arbitri: Massimo Florian – Daniele Rapisarda 
Parziali: 25-19 (26’), 25-21 (29’), 25-18 (26’)
Note: Modena: ricezione 66% (30%), attacco 48%, aces 4 (err.batt. 11), muri pt. 9; Latina: ricezione: 43% (21%), attacco 36%, aces 2 (err.batt. 12), muri pt. 5;

Comunicato stampa, la Top Volley Latina perde a Modena in tre set. Tubertini: “Questo è l’alto livello di questa Superlega, dobbiamo continuare a lavorare per rincorrere l’obiettivo salvezza”. Giuseppe Baratta
Share This